Consiglio Comunale 28 Novembre

 

Si fa riferimento all'articolo pubblicato oggi 29 novembre 2011 su Codesto quotidiano in relazione alla seduta consiliare di ieri 28 novembre 2011 per chiarire alcune circostanze.

Evidentemente a  corto di argomentazioni, la minoranza consiliare ha riproposto una questione già ampiamente dibattuta in precedenti due sedute consiliari ed oggetto di risposta nella seduta del 29.11.2010, in cui si evidenziava che le spese sostenute durante l'amministrazione Orazi, pari a circa 550.000 euro, tenuto conto della sua durata (4 anni dal 1995 al 1999), erano state di gran lunga maggiori rispetto a quelle delle amministrazioni che si sono succedute dal 1999 al 2009.

Questa Amministrazione si è insediata a giugno 2009 e quindi sono due gli anni di governo della cittadina. Il Consigliere Orazi spara la cifra di euro 750.000 per spese legali sostenute da questa Amministrazione negli ultimi dieci anni; di fatto, quindi, imputa presunte colpe agli attuali amministratori che non esistono per ovvi motivi temporali.

Peraltro il contenzioso in questi due anni è risultato particolarmente ridotto ed è consistito in gran parte in strascichi derivanti da procedimenti giudiziari o controversie già pendenti, per cui la spesa, deliberata da questa Amministrazione, è estremamente contenuta. Occorre evidenziare, in merito alla spesa scaturita dall'assestamento di bilancio, che ha dato adito alle estemporanee dichiarazioni della minoranza, che essa, per ben 41.969,88 euro, quindi circa il 70%, fa riferimento a vertenze iniziate sotto l'Amministrazione Orazi!!

Sta di fatto che le amministrazioni comunali hanno non solo il diritto ma anche l'obbligo di difendersi in giudizio e che il Comune di Sirolo ha resistito in giudizio per tutelare gli interessi della propria comunità; riprova ne è l'esito vittorioso delle cause che si sono concluse.

Non sta a noi difendere l'operato di chi ci ha preceduto ma occorre evidenziare che la spesa sostenuta è in linea con quella delle altre amministrazioni, tenuto conto anche dei vari atti in materia urbanistica, la quale è naturalmente fonte di contenzioso, che si sono succeduti (varianti al PRG, varianti al Piano del Parco ecc.).

Riprova del fatto che non vi è stata alcuna eccessività della spesa deriva dal fatto che, come sopra esposto, Orazi in quattro anni da Sindaco ha speso circa 500.000 euro per spese legali; spese che tuttora vengono pagate da questa Amministrazione, stante la lunghezza e la pendenza dei processi.

Per quanto concerne le altre critiche di Orazi, si evidenzia quanto segue.

Non vi sono cittadini di seria A e di serie B.

Questa Amministrazione è attenta alle esigenze di tutta la comunità e non fa discriminazioni di sorta: non debbono esserci differenze fra centro e periferie.

I residenti delle vie confinanti e limitrofe con Numana ci hanno chiesto di intervenire, mediante la realizzazione di una adeguata rotatoria, per eliminare il pericolo derivante da un incrocio assai a rischio, oggetto di frequenti sinistri stradali malgrado la presenza di un semaforo, che peraltro ostacola la fluidità della circolazione soprattutto nel periodo estivo. Si tratta  anche, tra l'altro, di ripristinare l'illuminazione pubblica in loco ormai obsoleta e di rifare i marciapiedi in stato di degrado e comunque di sistemare una via (San Francesco) tra le più importanti e trafficate di Sirolo; il costo dell'intervento sarà di gran lunga inferiore a quello preventivato in base al ribasso d'asta in sede di gara.

Questa Amministrazione si è sempre distinta per il risparmio e per l'oculatezza nella spesa, tanto da avere un bilancio in attivo,  per cui ogni critica pretestuosa al riguardo è pretestuosa.

Per quanto riguarda via I Maggio, quelli che per Orazi sono "lottizzanti" per l'Amministrazione Comunale sono cittadini, che hanno diritto all'accoglimento delle loro istanze dirette ad una migliore vivibilità del quartiere, ivi compreso l'incrocio con la Provinciale; richieste che non riguardano ovviamente le opere che gli originari lottizzanti, e non coloro che ivi risiedono, si sono obbligati a realizzare nelle convenzioni di lottizzazione.


Sirolo, 29 novembre 2011


                                                                                              IL SINDACO

                                                                                       Avv. Moreno Misiti