COMUNICATO STAMPA


I Sindaci dei Comuni di Ancona, Camerano, Castelfidardo, Loreto, Numana, Potenza Picena, Recanati e Sirolo, in un documento congiunto, redatto dal Comune di Sirolo a seguito di un incontro promosso dal Sindaco di Sirolo l'8 marzo scorso, tenutosi presso la civica residenza Sirolese fra detti Enti e il Parco del Conero, hanno chiesto al Presidente della Giunta Regionale Spacca di proporre, congiuntamente a loro e al Presidente dell'ente Parco del Conero, immediatamente ricorso dinnanzi al T.A.R. del Lazio contro il rigassificatore di Porto Recanati nel rispetto di quanto già deliberato dall'Assemblea Legislativa delle Marche in data 8.6.2010.

"Quali Sindaci rappresentiamo complessivamente circa 200.000 cittadini, pari alla metà circa della provincia di Ancona"- commenta il Sindaco di Sirolo - "e siamo tutti uniti, determinati e coesi nel dire no al rigassificatore, supportati anche dall'ente Parco del Conero.

Non c'è più tempo per tergiversare. Occorre, stante l'approssimarsi della scadenza del termine per impugnare, procedere all'immediato ricorso avanti al competente T.A.R. Lazio per  ottenere l'annullamento del decreto autorizzativo emesso dal Ministero dell'Ambiente.

Il Comune di Sirolo ha già deliberato in tal senso. Altrettanto stanno facendo tutti gli altri Comuni e l'Ente Parco. Non può e non deve mancare anche il sostegno della Regione Marche, che, con la nota deliberazione consiliare dell'8/6/2010, aveva già deciso di agire in giudizio nella ipotesi, purtroppo avveratasi, di autorizzazione ministeriale del rigassificatore

L'unione fa la forza e non vi è più tempo da perdere.

Sono certo che il Governatore Spacca, che reiteratamente in passato ha mostrato la sua sensibilità e la sua attenzione sulla questione, conferirà immediato e tempestivo mandato al proprio ufficio legale affinché la Regione Marche proponga ricorso congiuntamente a tutti i Comuni interessati e all'Ente Parco.

Tutta la nostra comunità gliene sarà grata".


Sirolo, 15 marzo 2011

                                                                                           IL SINDACO

                                                                               Avv. Moreno Misiti